IL CONTROLLO DI GESTIONE

L’Art. 2086 del Codice Civile obbliga l’impresa ad istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato anche alla rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa.

Come illustrato nelle newsletter precedenti, la responsabilità di chi guida l’impresa è aumentata con l’entrata in vigore del codice della crisi di impresa.

In particolare, l’Art. 2086 del Codice Civile obbliga l’impresa ad istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato anche alla rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa.

Pertanto, diventa fondamentale per l’impresa integrare al proprio interno la funzione del controllo di gestione, ossia quel sistema di controllo che si nutre di dati che, opportunamente elaborati, divengono informazioni: quest’ultime a loro volta, opportunamente selezionate e rappresentate, forniscono gli elementi a supporto del processo decisionale del management.

DECRETO 231

Il Decreto 231 sovverte il tradizionale principio “societas delinquere non potest” attribuendo al giudice penale la competenza a sanzionare, oltre che soggetti (persone fisiche) che

Leggi Tutto »

LE POLITICHE ESG NELLE PMI

La sostenibilità ha assunto un ruolo sempre più centrale nei progetti di sviluppo delle società ed organizzazioni; l’aspettativa globale è che venga rappresentata e comunicata

Leggi Tutto »

ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

L’Art. 2086 del Codice Civile obbliga l’impresa ad istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato anche alla rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa. Come illustrato

Leggi Tutto »